Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
SCIENZE E TECNOLOGIE PER L'AMBIENTE


8

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 48 24 0 56

Periodo

AnnoPeriodo
III anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/10/201424/01/2015

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline ecologicheBIO/074
affine/integrativo Nessun ambitoBIO/034


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott. MATOZZO VALERIOBIO/07Dipartimento di Biologia

Altri Docenti

DocenteCoperturaSSDStruttura
Dott.ssa TOMASELLA MICHELAContrattoN.D.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Sono prerequisiti necessari le conoscenze fornite dai corsi di Ecologia Generale, Biologia Animale e Biologia Vegetale.

Il corso si propone di fornire conoscenze su alcuni aspetti dell’ecologia applicata, con particolare riferimento alla gestione e conservazione degli ecosistemi d’acqua dolce. Saranno inoltre acquisite conoscenze riguardanti il biomonitoraggio degli ecosistemi terrestri e acquatici. Per quanto riguarda l’aspetto floro-vegetazionale, si affrontano i concetti di base dell’ecologia vegetale. È prevista una parte più applicativa nella quale sono approfondite le principali tecniche note per il biomonitoraggio degli ecosistemi acquatici.

Il corso prevede sia lezioni frontali che esercizi in aula.

Scopi e finalità dell’ecologia applicata. Fattori ambientali. Studio degli ambienti lentici (laghi, stagni e paludi) e lotici ( fiumi, torrenti e canali) con riferimento al ciclo dell’acqua e all’unità base territoriale costituita dal bacino idrografico. Caratteristiche morfologiche, idrologiche, idrodinamiche e struttura trofica degli ecosistemi d’acqua dolce. Studio degli effetti provocati dalle attività antropiche sugli ecosistemi acquatici. Le cause del deterioramento ambientale; alterazione fisica degli ecosistemi. Eutrofizzazione: cosa è e dove si manifesta. Principali indici e indicatori ambientali (biotici e abiotici, strutturali e funzionali) per la valutazione dello stato degli ambienti acquatici in termini di rischio, vulnerabilità, impatto e qualità generale. Definizione di B.O.D., C.O.D., T.O.C. e loro relazioni. Curva “a sacco” dell’ossigeno. Definizione e applicazione dell’Indice Biotico Esteso (IBE). Biodiversità: definizioni e conservazione. Minacce alla biodiversità. Il problema delle specie “aliene”. Biodiversità e perdita di habitat. Cosa è l’ecotossicologia. Strategie e obiettivi della tossicologia classica e dell’ecotossicologia. Definizione di contaminazione e inquinamento. Contaminanti e comparto abiotico; definizione di degradazione e persistenza. Contaminanti e comparto biotico; definizione di bioaccumulo, bioconcentrazione, biomagnificazione. Effetti dei contaminanti sui sistemi biologici. Misura del danno. Test di tossicità e loro obiettivi. Esempi di saggi di tossicità acquatica e terrestre. Definizione di bioindicatore e biomarker. Biomonitoraggio. Esempi di strategie di biomonitoraggio: attivo e passivo, Elementi di base di ecologia vegetale. Flora: distribuzione lungo gradienti, forme biologiche, strategie di Grime, Corologia, fitomassa e calcolo della fitomassa, Biodiversità (auto diversità e allo diversità), specie rilevanti (conservazione e biomonitoraggio). Vegetazione: definizione e caratteri generali, comunità vegetali e loro relazioni, analisi della vegetazione e fisociologia, raccolta dati e campionamento. Biomonitoraggio delle acque dolci: la direttiva acque, approccio e richieste tecniche, macrofite acquatiche e analisi di principali indici europei che le utilizzano come bioindicatori, La realtà italiana, metodo IBMR. Accenno ad altri indici che utilizzano la componente vegetale per la bioindicazione: fitobenthos e diatomee. Indice di funzionalità perilacuale, indice di funzionalità fluviale. Telerilevamento e la costruzione di carte della vegetazione: modalità di analisi, legenda e scala di rilevamento. La costruzione delle carte derivate.

Prova scritta con domande a risposta multipla e a risposta libera.

Sono considerati importanti criteri di valutazione la chiarezza e la completezza delle risposte fornite dagli studenti.

Provini, Galassi, Marchetti, Ecologia Applicata. : CittaStudi Edizioni, 2008 Bargagli R., Ecologia Applicata. : AMON, 2012 Pignatti S., Ecologia Vegetale. : UTET,

Al termine del corso sarà fornita copia delle presentazioni in PowerPoint delle lezioni.