Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
CHIMICA INDUSTRIALE ORD. 2013

Il brevetto in chimica

1

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 0 12 0 25

Periodo

AnnoPeriodo
II anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/10/201523/01/2016

Tipologia

No results found

Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
N.D.

Altri Docenti

Non previsti

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste

Bollettino

Cultura chimica di base.

Il corso è indirizzato a fornire una preparazione di base sui diritti di proprietà industriale, in particolare in ambito chimico e settori correlati. Saranno fornite conoscenze di base su tre aspetti fondamentali: i) che cosa è un’invenzione e quali invenzioni sono brevettabili; ii) come definire un’invenzione in campo chimico e settori correlati ai fini brevettuali; e iii) quali sono gli strumenti procedurali per ottenere una tutela legale dei diritti di brevetto in Italia e all’estero. Lo scopo è permettere ai partecipanti al corso di: i) capire le problematiche connesse all’identificazione di un’invenzione rispetto al normale progresso tecnico del settore; ii) leggere un documento brevettuale e capire il significato del linguaggio tecnico usato ai fini della tutela legale dell’invenzione. Allo scopo alla teoria sarà affiancata l’analisi di casi pratici.

Presentazioni in Powerpoint; analisi di casi pratici ed esercitazioni sui temi trattati.

Le linee generali su cui sarà sviluppati il corso sono: ⁃ l'evoluzione storica delle leggi sui brevetti e le convenzioni internazionali in vigore sui brevetti, come quadro di riferimento alle leggi regionali e nazionali; ⁃ il concetto di invenzione; ⁃ il brevetto verso il segreto industriale; ⁃ i requisiti dell’invenzione; ⁃ i requisiti della domanda di brevetto; ⁃ la funzione del brevetto; ⁃ i diritti dell’inventore e del richiedente; ⁃ la struttura della domanda di brevetto e le peculiarità del brevetto chimico (definizione dell’invenzione mediante la formula generale e/o parametri funzionali; le tipologie di rivendicazioni ed il loro ambito); ⁃ le procedure di deposito ed esame, con particolare riferimento all’esame secondo la normativa italiana (Codice della Proprietà Industriale) ed europea (EPC); ⁃ le strategie di brevettazione e le convenzioni internazionali ed europee (la Convenzione Unionista di Parigi; gli accordi TRIPs; Il Patent Cooperation Treaty PCT; la European Patent Convention EPC ed il Brevetto Unitario).

Esame scritto.

La valutazione si baserà su un test scritto a risposta multipla in modo di valutare la comprensione e l’acquisizione corretta dei concetti teorici ai fini di una loro applicazione autonoma.

Diego De Vita, Brevettare è facile. Firenze: Finanze & Lavoro, 2010

Testi di consultazione consigliati: AA.VV. a cura di A. Vanzetti, I nuovi brevetti. Biotecnologie ed Invenzioni Chimiche, 1995, Giuffrè Editore A. Vanzetti e V. Di Cataldo, Manuale di Diritto Industriale, 7° ed., 2012, Giuffrè Editore