Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
SCIENZA DEI MATERIALI


6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 16 0 48 78

Periodo

AnnoPeriodo
II anno2 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/03/201611/06/2016

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
baseDiscipline matematiche, informatiche e fisicheFIS/013
baseDiscipline matematiche e fisicheFIS/033


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott.ssa CESCA TIZIANAFIS/03Dipartimento di Fisica e Astronomia "Galileo Galilei"

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Concetti acquisiti nei corsi di Matematica, Fisica 1 e Fisica 2.

Scopo di questo corso è l’introduzione al metodo scientifico attraverso la verifica in laboratorio di alcuni fenomeni elettrici ed ottici. Una parte delle ore di laboratorio sarà dedicata alla discussione comune su come si misura una grandezza e su come la si interpreta. Si introdurranno e si applicheranno quindi gli aspetti più importanti della Teoria della Misura e degli Errori. Particolare attenzione sarà inoltre dedicata alla presentazione dei dati e a come si redige una relazione scientifica.

Il corso si sviluppa in sessioni di laboratorio di quattro ore ciascuna, comprendenti delle sessioni di recupero per facilitare l’acquisizione dei dati relativi alle varie esperienze e, soprattutto, per permettere l’elaborazione e la stesura delle relazioni. Sono inoltre previste delle lezioni teoriche dove si introdurranno gli aspetti principali della Teoria degli Errori. I principi di funzionamento della strumentazione e delle tecniche di misura verranno descritti durante i turni di laboratorio.

Le esercitazioni di laboratorio riguardano argomenti tratti dai seguenti: - misura delle caratteristiche e del comportamento di componenti e circuiti elettrici semplici in corrente continua; - carica e scarica di un condensatore; - oscillazioni smorzate in un circuito RLC; - esperimenti di ottica geometrica con banco ottico (produzione di un fascio di luce collimato, misura della distanza focale e delle aberrazioni di una lente convergente); - determinazione delle figure di diffrazione e d’interferenza prodotte da fenditure parallele; - misura dello spettro di una sorgente luminosa mediante il reticolo di diffrazione.

L'esame comprende lo svolgimento di una serie di relazioni sulle esperienze condotte in laboratorio e un esame scritto alla fine del corso. Le relazioni sulle esperienze verranno realizzate e consegnate durante il corso e di volta in volta saranno corrette e restituite.

Verrà valutata la capacità di svolgere e analizzare criticamente un’esperienza di laboratorio in tutti i suoi aspetti, dalla presa dati alla stesura di una relazione, e la conoscenza dei concetti di teoria degli errori appresi durante il corso.

R. Taylor, Introduzione all’analisi degli errori. : Zanichelli, R. Taylor, Introduction to Errror Analysis. : Zanichelli,

Dispense sulle esercitazioni di laboratorio verranno consegnate dal docente.