Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
SCIENZE E TECNOLOGIE PER L'AMBIENTE


11

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 72 0 32 67

Periodo

AnnoPeriodo
II anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/10/201523/01/2016

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
baseDiscipline naturalisticheBIO/013
caratterizzanteDiscipline biologicheBIO/013
caratterizzanteDiscipline biologicheBIO/025


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof.ssa BALDAN BARBARABIO/01Dipartimento di Biologia

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Conoscenze di Chimica Organica e/o Biochimica; Biologia Animale.

Il corso intende fornire allo studente una preparazione di base sulla struttura delle piante, sulla loro riproduzione e su alcuni aspetti fondamentali della loro fisiologia. Si propone inoltre di rendere gli studenti capaci di orientarsi all’interno della diversità di forme vegetali, di coglierne le differenze e l’evoluzione.

Lezioni frontali con l’ausilio della proiezione di immagini e schemi. Esercitazioni in laboratorio per l’osservazione di materiali vegetali (cellule, tessuti, organi e organismi) sia freschi che conservati. Prove di determinazione di specie di piante vascolari mediante l'uso di chiavi analitiche.

Parte 1° (Prof. Giorgio Casadoro) Generalità sugli organismi vegetali e loro importanza per l’ambiente. Struttura della cellula, con particolare riguardo per la Parete Cellulare, Plastidi e Vacuolo. I tessuti delle piante (meristemi, parenchimi, tessuti protettivi, tessuti conduttori, tessuti meccanici e tessuti segregatori). I principali organi delle piante: fusto, foglia e radice [e simbiosi di quest’ultima con funghi (micorrize) e batteri (noduli per la fissazione dell’azoto)]. I cicli ontogenetici delle piante. Il fiore ed il frutto. Le piante e l’acqua. I movimenti dell’acqua e salita della linfa xilematica. Traspirazione e movimenti stomatici. Cenni sulla nutrizione minerale e sul trasporto cellulare dei soluti. La fotosintesi. Il trasporto floematico. La respirazione. Cenni sugli ormoni. Cenni sulle risposte alla luce rossa ed alla luce blu. Parte 2° (Prof.ssa Barbara Baldan) Generalità sulla sistematica. Criteri di determinazione. I procarioti: struttura, nutrizione, riproduzione, movimento, diversità, ruolo. Gli Eucarioti: caratteri generali. I protisti: struttura, nutrizione e respirazione, riproduzione, habitat, diversità. Dinoflagellati, diatomee, alghe dorate, alghe brune, alghe rosse, cloroficee e caroficee. Colonizzazione delle terre emerse. Le piante terrestri non vascolari: struttura, riproduzione, ecologia. Briofite, Epatofite e Antocerofite, peculiarità. Cenni sui funghi. Crittogame vascolari: struttura, riproduzione, ecologia. Licopodi, selaginelle, equiseti, felci, peculiarità. Linea evolutiva delle microfille e delle macrofille. Spermatofite: generalità. Taxa con gameti maschili ciliati: Cycas, Zamia, Gynkgo, ecc. Coniferofite: habitus, tipi di foglie, strutture riproduttive. Gnetofite: Gnetum, Welwitschia, Ephedra: peculiarità. Magnoliofite: Liliopsida (monocotiledoni), Magnoliopsida (dicotiledoni). Principali tipi di frutto e dispersione dei semi. Uso delle chiavi analitiche. Determinazione e caratteristiche principali di alcune famiglie di monocotiledoni e dicotiledoni.

L'esame sarà scritto con domande aperte. La verifica consisterà in 5-6 domande aperte per ciascuna delle due parti del corso. L’esame scritto si terrà nelle date degli appelli ufficiali. Ad ogni appello ufficiale lo studente potrà sostenere l'esame scritto della PARTE 1° e della PARTE 2° o anche di una sola delle due parti. Nel caso in cui venisse superata solo una parte il voto attribuito varrà fino all'ultima sessione dell'a.a. in corso. La registrazione del voto finale avverrà nelle date che verranno comunicate all'interno di ogni sessione, dopo il superamento di entrambe le parti dell'esame.

L'esame con domande di tipo aperto consentirà di valutare negli studenti la capacità sia di ragionare che di inquadrare gli argomenti in un discorso logico con un capo ed una coda. Il fatto di fare 5-6 domande per ciascuna delle due parti consentirà inoltre di capire se gli studenti hanno una preparazione adeguata su tutto il programma.

PASQUA G., ABBATE G, e FORNI C., Botanica Generale e Diversità Vegetale. Padova: PICCIN, 2011 TAIZ L., ZEIGER E., Elementi di Fisiologia Vegetale. Padova: PICCIN, 2013