Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
BIOLOGIA EVOLUZIONISTICA ORD. 2009


6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 40 0 16 60

Periodo

AnnoPeriodo
I anno2 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
27/02/201709/06/2017

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline del settore biomolecolareBIO/115
affine/integrativo Nessun ambitoBIO/051


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott. GRAPPUTO ALESSANDROBIO/05Dipartimento di Biologia

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di Supporto alla Didattica

Esercitatore
Dott.ssa PATERNO MARTA

Bollettino

Non sono richieste propedeuticità, ma conoscenze di base di genetica, biologia evoluzionistica, informatica e bioinformatica

Dalla frequenza di questo corso gli studenti dovrebbero acquisire gli elementi di base utili per affrontare l'analisi e l'interpretazione di dati di sequenziamento in una prospettiva di tipo evolutivo.

Il corso consiste di 40 ore di didattica frontale e 16 ore di laboratorio. Le ore di laboratorio sono suddivise in una parte molecolare pratica, con estrazioni di DNA, PCR e sequenziamento da campioni biologici e una bioinformatica. I laboratori comprenderanno lavori individuali e/o di gruppo nei quali gli studenti analizzeranno casi di studio e applicheranno i metodi studiati.

Lezioni frontali: Lo studio dell'evoluzione a livello molecolare costituisce un settore di ricerca che sfrutta il connubio tra i più' recenti progressi della biologia molecolare e la tecnologia informatica. Durante il corso verranno trattati i principali aspetti dell'evoluzione molecolare e della filogenesi. In particolare si considereranno: le diverse tipologie di dati molecolari e le tecniche per la loro raccolta; l'allineamento delle sequenze; il confronto di sequenze di DNA e proteiche per il calcolo di distanze genetiche; i meccanismi di evoluzione molecolare e la teoria della neutralità selettiva; i modelli di sostituzione nucleotidica; l'identificazione delle specie mediante sequenziamento di DNA (barcoding); la ricostruzione filogenetica basata sui concetti di massima parsimonia, di distanza genetica, di massima verosimiglianza e bayesiana; l'impiego di sequenze geniche multiple mediante concatenamento e supertrees; il concetto di orologio molecolare; la selezione Darwiniana a livello molecolare e le tecniche per rilevarla; i progetti di sequenziamento genomico e la filogenomica. Laboratorio: Identificazione molecolare di specie (barcoding); Estrazione del DNA da campioni sconosciuti, PCR e sequenziamento di DNA mitocondriale; Laboratorio bionformatico: lettura dei cromatogrammi; utilizzo del barcode database BOLD e GenBank per l'identificazione di specie; ricostruzione filogenetica con i principali algoritmi con l'uso di MEGA.

Scritto

Lo studente sarà valutato sulla base delle conoscenze acquisite e della capacità di utilizzare gli strumenti molecolari ed informatici necessari per analizzare dati ed interpretare alberi filogenetici.

Lemey P., Salemi M., Vadamme A., The phylogenetic handbook. II edition. Cambridge UK: Cambridge, 2009 Lindell Bromham, An Introduction to Molecular Evolution and Phylogenetics. 2nd Ed.. Oxford: Oxford University Press, 2016

Diapositive esposte a lezione e articoli assegnati sono disponibili su piattaforma elearning