Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
ASTRONOMIA


6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 48 0 0 125

Periodo

AnnoPeriodo
II anno2 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
27/02/201709/06/2017

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteAstrofisico, geofisico e spazialeFIS/056


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott.ssa LAZZARIN MONICAFIS/05Dipartimento di Fisica e Astronomia "Galileo Galilei"

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Il corso richiede le conoscenze di base di fisica, chimica e matematica acquisite durante il percorso previsto.

Il corso si propone di fornire una panoramica generale del Sistema Solare e gli elementi di base per lo studio dei corpi minori del Sistema Solare. In particolare verranno acquisite conoscenze relative ai pianeti, satelliti e alle proprieta' chimiche, fisiche e dinamiche dei piccoli corpi del Sistema Solare, comete e asteroidi.

L'insegnamento del corso avverra' mediante lezioni frontali con utilizzo sia dei metodi classici che dei mezzi informatici. Gli studenti sono stimolati a partecipare attivamente alle lezioni mediante domande e interventi.

Il corso si propone di fornire le conoscenze di base del Sistema Solare e delle proprieta' dei corpi minori, e di rendere partecipi gli studenti delle ultimissime conoscenze relative a questi corpi provenienti dalle ricerche, comprese quelle spaziali, attualmente il corso. Il corso si articola su un totale di 48 ore corrispondenti a 6 crediti sui seguenti argomenti principali: 1) Generalita’ sul Sistema Solare: -Introduzione al Sistema Solare: descrizione generale della struttura e dei componenti. -Cenni sull’origine e formazione del Sistema Solare -Classificazione dei pianeti e loro caratteristiche chimiche, fisiche e dinamiche: confronto tra le loro proprieta’ -Proprieta' principali di pianeti e satelliti (moti orbitali,massa, dimensione, rotazione, forma, temperatura, campi magnetici, composizione, atmosfere) -Proprieta' generali delle lune e degli anelli dei pianti giganti. -Forze mareali 2) Corpi Minori -Quali sono i corpi minori e importanza del loro studio -Origine di comete e asteroidi -Descrizione delle tre zone principali occupate dai corpi minori: fascia asteroidale, fascia di Kuiper e nube di Oort -Risonanze e loro importanza nella formazione e stabilita’ del Sistema Solare 3) Comete -Formazione -Classificazione generale -Classificazione mediante l’invariante di Tisserand -Orbite cometarie -Forze non gravitazionali e loro influenza sul moto di una cometa 4) Fascia di Kuiper -Classificazione degli oggetti della Kuiper Belt (KBO) e descrizione delle varie classi -Oggetti binari -Descrizione degli oggetti piu’ grandi identificati nella Kuiper Belt (Plutone, Quaoar, Sedna, 2003 EL61, Eris) -Centauri -Distribuzione di luminosita’ e popolazione totale -Proprieta’ fisiche dei KBO: albedo, dimensioni, rotazione, forma, … -Composizione superficiale dei KBO mediante spettroscopia e fotometria -Struttura della Kuiper Belt e sua formazione -Relazioni con altri oggetti del Sistema Solare: lune di pianeti giganti, Centauri, comete della famiglia di Giove 5) Proprieta’ fisiche delle comete -Struttura di una cometa attiva e non attiva -Magnitudine di una cometa -Nucleo cometario e sue proprieta’. Nucleo della cometa di Halley e informazioni ottenute dall’incontro con la sonda Giotto. -Modelli di nucleo cometario -Dimensioni, massa e densita’ di un nucleo cometario -Evoluzione di una cometa attorno al Sole, formazione di chioma e code -Teoria della vaporizzazione -Struttura della chioma -Meccanismi di produzione delle specie osservate nella chioma e nella coda -Polvere cometaria e struttura della coda di polvere -Struttura della coda di ioni -Spettri cometari dall’uv al radio -Spettri della chioma: meccanismi di eccitazione ed emissione -Modello di Haser e di Festou per il calcolo della distribuzione di densita’ nella chioma cometaria -Evoluzione superficiale delle comete e nuclei cometari inattivi -Asteroidi in orbite cometarie, riattivazione di nuclei cometari -Distinzioni e relazioni comete-asteroidi -Comete nella main-Belt 6) Missioni cometarie: cosa ci hanno insegnato le missioni verso nuclei cometari effettuate finora 7) Asteroidi -Distribuzione nel Sistema Solare -Caratteristiche generali -Troiani -Effetto Yarkovski -Effetto YORP -Asteroidi binari -Famiglie di asteroidi -Proprieta’ fisiche degli asteroidi: massa, densita’, albedo, magnitudine e dimensioni -Tassonomia degli asteroidi e distribuzione delle classi nella fascia principale -Spettroscopia e mineralogia superficiale degli asteroidi nella regione del visibile e infrarosso 8)Missioni asteroidali: cosa ci hanno insegnato le missioni verso asteroidi effettuate finora

L'esame prevede un colloquio orale in cui verranno discussi i contenuti del corso

I criteri di valutazione si basano sulla verifica delle competenze acquisite. Si ritiene che lo studente, alla fine del percorso, debba possedere le conoscenze di base per poter affrontare le varie problematiche che riguardano i pianeti e gli oggetti minori del Sistema Solare.

I. Mann, A. Nakamura, T. Mukai editors, Small Bodies in Planetary System, Lecture notes in physics. : Springer-Verlag, 2009 B. Bertotti, P. Farinella, D. Vokrouhlicky editors, Physics of the Solar System, Dynamics and Evolution, Space Physics and Spacetime Structure. : Kluwer Academic Publishers, W.F. Bottke, A. Cellino, P. Paolicchi, R.P Binzel editors, Asteroids III. : The University of Arizona Press, H. Balsiger, Kathrin Altwegg, Walter F. Huebner,, Origin and early evolution of comet nuclei, Volume 28 di Space Sciences Series of Issi. : Springer, 2008 J.J. Lissauer, I. de Pater, Fundamental Planetary Science. : Cambridge University Press, 2013 K.S. Krishna Swamy, Physics of Comets, Third edition. : World Scientific Publishing,

Saranno fornite come integrazione per la preparazione all'esame dispense preparate dal docente. I testi di riferimento indicati piu' sotto verranno suggeriti precisamente all'inizio del corso. Si consiglia pertanto di non acquisire alcun testo prima dell'inizio del corso.