Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
CHIMICA INDUSTRIALE ORD. 2015


6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 48 0 0 25

Periodo

AnnoPeriodo
II anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/10/201620/01/2017

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline chimiche ambientali, biotecnologiche, industriali, tecniche ed economiche CHIM/043
caratterizzanteDiscipline chimicheCHIM/033


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof. BERTONCELLO RENZOCHIM/03Dipartimento di Scienze Chimiche

Altri Docenti

Non previsti.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Le conoscenze acquisite negli insegnamenti di Chimica generale ed inorganica, di Chimica Fisica e di Chimica Organica

Acquisire le conoscenze di base riguardanti struttura, proprietà chimiche e fisiche e metodi di preparazione industriali di vari tipi di vetro e di materiali ceramici

Le lezioni in aula prevedono l'utilizzo di diapositive, filmati e collegamento a siti web. Il materiale sarà poi fornito agli studenti dell'insegnamento

Aspetti chimico-fisici del vetro. Lo stato vetroso: condizioni di formazione del vetro e teorie strutturali. Caratteristiche dello stato vetroso: viscosità, proprietà meccaniche, termiche, elettriche, ottiche e chimiche. Comportamento sotto sforzo e rottura. Processi di invecchiamento e recupero. Processi di cristallizzazione controllata: vetroceramica. Vetri speciali: fibre ottiche Sintesi di film sottili di vetro, chimica all’interfaccia del vetro con polimeri organici. I biovetri, i vetri ottenuti da processi sol-gel, gli aero-gel. Aspetti industriali: materie prime; preparazione della miscela vetrificabile; reazioni e trasformazioni di fase durante il processo di fusione, impianti per la produzione del vetro piano e del vetro cavo. Aspetti chimico-fisici delle ceramiche Composizione e struttura; proprietà meccaniche, termiche, elettriche, ottiche e chimiche. Prodotti ceramici classici ed innovativi: refrattari, prodotti per usi elettrici, magnetici e nucleari. Aspetti industriali: materie prime e loro selezione; impianti per la preparazione e formatura degli impasti ceramici, essiccazione e cottura, smalti, aerogel. Tecniche di analisi delle superfici di vetri e ceramiche (SEM-EDS, XPS, SIMS, STM, Mössbauer).

Verifica orale delle conoscenze acquisite attraverso la presentazione di una tesina su uno degli argomenti affrontati a lezione a scelta dello studente.

Verifica delle conoscenze acquisite partendo dalla tesina presentata

W.Vogel, GLASS CHEMISTRY. : Springer-Verlag, 1994 G.Scarinci, T.Toninato e B.Locardi, VETRI, Quaderni di chimica applicata. Milano: Ambrosiana, 1977 R.Sersale, I MATERIALI CERAMICI, Quaderni di chimica applicata. Milano: Ambrosiana, 1975 W. F. Smith, J Hashemi, SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI. Milano: Mc Graw Hill, 2012 H.Scholze, LE VERRE. Paris: Institut de Verre, 1974

Testi di riferimento. Diapositive delle lezioni e siti web indicati dal docente