Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
BIOLOGIA MARINA ORD. 2013


10

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 72 16 0 68

Periodo

AnnoPeriodo
I anno2 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
26/02/201801/06/2018

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline del settore nutrizionistico ed altre applicazioniIUS/144
affine/integrativo Nessun ambitoBIO/076


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott. RAICEVICH SASAN.D.

Altri Docenti

DocenteCoperturaSSDStruttura
Dott. ODORICO ROBERTOContrattoN.D.

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

Nessuno

La prima parte del corso e' dedicata alla gestione delle risorse e alla valutazione di impatto ambientale. L'obiettivo che si propone è fornire conoscenze adeguate rispetto agli impatti ambientali di diverse attività antropiche andando a declinare gli elementi essenziali degli approcci gestionali utilizzati, con una valutazione comparativa degli stessi e delle relazioni che le diverse forme di gestione e governance presentano in particolare a livello di Unione Europea e nazionale. Gli studenti acquisiranno la capacità di interpretare il rationale scientifico dell’approccio gestionale nell’ambiente marino, un contesto in cui si sovrappongono pressioni multipli ed usi multipli da parte della società. La seconda parte del corso approfondisce argomenti legati alla legislazione ambientale marina. Vine presentata una panoramica su come il diritto dell’ambiente e la sua evoluzione entra nella gestione e studio del territorio non soltanto come normativa, ma anche come principi ormai acquisiti. In questo contesto in cui evidenti sono le conflittualità tra principi ed effettiva governance del territorio si inserisce anche lo studio dell'ambiente. Viene quindi analizzato un aspetto importante legato ad attività di ricerca che sempre di più si integrano con la norma e con i controlli. Gli studenti acquisiranno capacità critiche di interpretazione delle normative e delle possibili applicazioni al lavoro di ricerca esaminando progetti e casi studio sul territorio del nord Adriatico

Il corso si compone sia di lezioni teoriche che di esercitazioni pratiche di simulazione. Queste ultime consisteranno principalmente in lavori individuali e/o di gruppo nei quali gli studenti analizzeranno direttamente casi di studio, attraverso i diversi passi della valutazione dell’impatto dell’attività antropica su un ambiente e/o uno stock e della formulazione di proposte gestionali. Verranno inoltre effettuate attività di campo per la valutazione dell’impatto della pesca. Tematiche specifiche verranno affrontate da esperti nel corso di seminari o principalmente in lavori individuali e/o di gruppo nei quali gli studenti analizzeranno direttamente casi di studio, attraverso i diversi passi della valutazione dell’impatto dell’attività antropica su un ambiente e/o uno stock e della formulazione di proposte gestionali. Verranno inoltre effettuate attività di campo per la valutazione dell’impatto della pesca. Tematiche specifiche verranno affrontate da esperti nel corso di seminari.

Fondamenti di gestione e valutazione di impatto ambientale: 1) Verso un concetto moderno di gestione delle risorse; 2) Pesca: impatti ambientali (bycatch e scarto; impatti sulle comunità bentoniche; 3) Valutazione delle risorse: stock assessment e reference points; 4) Gestione della pesca a singola specie in Italia, Europa, Mediterraneo; 5) approccio eco sistemico ed ecosystem stewardship; 6) Impatti acquacoltura ed acquariofilia; 7) nuove fonti di impatto ambientale(campi elolici, turbine sottomarine. ecc); Approcci gestionali e protocollo scientifico della gestione delle risorse in accordo con diverse Direttive Europee ed ulteriori strumenti legislativi: 1) Water Framework Directive; 2) Direttiva Uccelli e Direttiva Habitat; 8) Marine Strategy Framework Directive; 9) Maritime Spatial Planning e gestione integrata della fascia costiera; 10) Politica comune della pesca; 11) Valutazione di impatto ambientale; 12) Ruolo della partecipazione (NGO; stakeholders) nella gestione delle risorse marine. Legislazione ambientale. Le origini e le fonti del diritto ambientale: 1) La nozione di ambiente nel diritto nazionale e internazionale e la gerarchia delle fonti; 2) I soggetti istituzionali: Organismi internazionali, Unione Europea, Stato Italiano, Regioni; 3) L’origine del diritto ambientale comunitario e internazionale, l’ambiente nel Trattato dell’Unione Europea; convenzioni e trattati internazionali sull’ambiente; 4) Diritto all’ambiente e diritto dell’ambiente; 5) Riferimenti costituzionali per la tutela dell’ambiente; 6) La legge istitutiva del Ministero dell’Ambiente e sue modifiche (con particolare riguardo alla Direzione generale per la protezione della natura, settore marino); 7) La valutazione d’impatto ambientale (comprese VAS e Val. d’incidenza). Le norme comunitarie e nazionali sui vari temi ambientali (in generale): 1) Inquinamento e tutela delle acque (acque di superficie, falde, ambiente marino);2) Cenni di inquinamento dell’aria, inquinamento e difesa del suolo, norme urbanistiche; 3) Difesa del paesaggio e dell’ambiente naturale, legislazione sulla fauna selvatica, sui parchi e le aree protette. Approfondimenti nel settore dell’ambiente marino e costiero: 1) Leggi a tutela del mare; 2) Istituzione delle riserve marine; 3) Norme sulla pesca in mare; 4) Norme e criteri per un uso sostenibile delle risorse marine.

Compito scritto

Viene valutata 1) la capacità critica e di ragionamento proponendo approcci a problemi e casi studio, 2) il grado di acquisizione delle conoscenze fornite durante il corso

CONTENUTO NON PRESENTE

Vengono forniti i materiali utilizzati durante il corso, unitamente a articoli, report e letteratura grigia, testi delle Direttive e della legislazione ambientale. Ulteriori monografie e capitoli di testi saranno suggerite durante il corso. Codice dell’ambiente (diverse edizioni disponibili, anche in rete), monografie suggerite durante il corso, Compendio di Diritto dell'Ambiente, edizioni Simone