Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
GEOLOGIA E GEOLOGIA TECNICA ORD. 2009


6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 32 24 0 68

Periodo

AnnoPeriodo
I anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
02/10/201719/01/2018

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline mineralogiche, petrografiche e geochimicheGEO/076


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof. VISONA DARIOGEO/07Dipartimento di Geoscienze

Altri Docenti

DocenteCoperturaSSDStruttura
Prof. NIMIS PAOLOIstituzionaleGEO/09Dipartimento di Geoscienze

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

nessuno

Lo studente impara a descrivere i sistemi petrologici (e più in generale Geologici) in termini di variabili termodinamiche, a posizionare le reazioni fra i minerali e fra i minerali e i melts nello spazio G-P-T e in particolare nel campo P-T. Impara ad applicare le proprietà delle soluzioni e soluzioni solide alla risoluzione di problemi petrologici (in particolare a quelli relativi alla magmatologia) e si esercita a riconoscere e ad interpretare le principali microstrutture delle rocce magmatiche.

- Lezione frontale: 32 ore Esercitazione in aula e in laboratorio di microscopia ottica: 16 ore

Descrizione dei sistemi petrologici: energia libera ed equilibri di fase; superfici nello spazio G-T-P, costruzione di linee univarianti e superfici divarianti; regole di Schreinemakers per superfici inetersecantesi nello spazio G-T-P ed applicate ai sistemi multicomponenti, sistemi degenerati. -Cenni di Termodinamica delle soluzioni: energia libera delle soluzioni; energia libera di soluzioni ideali e non ideali, la legge di Henry; smistamento di soluzioni non ideali, le essoluzioni e relative microstrutture; la costante di equilibrio di una reazione e sue applicazioni geotermobarometriche. -Equilibri di fase nei sistemi ignei: sistemi a due componenti; la regola della leva; i sistemi binari e ternari fondamentali, cenni ai sistemi quaternari, microstrutture di relazioni minerale-melt; proprietà ed effetti dei volatili sull'equilibrio del fuso silicatico; effetti di H2O e di CO2 sulla fusione e sulla cristallizzazione frazionata di magmi; ruolo della fugacità dell'ossigeno negli equilibri di fase.

Sono previste tre prove scritte in itinere (test in parte a quiz) e successivo colloquio

La valutazione complessiva dello studente si basa sui seguenti criteri: - conosenza dei contenuti del corso; - comprensione, applicazione e organizzazione delle conoscenze acquisite; - capacità di integrazione delle conoscenze acquisite nel contesto di mateie scientifiche affini; - capacità di esporre con chiarezza, ricchezza e proprietà di linguaggio

Philpotts A.R., Principles of igneous and metamorphic petrology... : Prentice Hall. Allen, Cox K.G., Bell J.D., and Pankhurst A.F., The interpretation of igneous rocks. : , 1979

- Gli argomenti svolti in ciascuna lezione frontale saranno a disposizione degli studenti sottoforma di file .pdf

nessuno

Lo studente impara a descrivere i sistemi petrologici (e più in generale Geologici) in termini di variabili termodinamiche, a posizionare le reazioni fra i minerali e fra i minerali e i melts nello spazio G-P-T e in particolare nel campo P-T. Impara ad applicare le proprietà delle soluzioni e soluzioni solide alla risoluzione di problemi petrologici (in particolare a quelli relativi alla magmatologia) e si esercita a riconoscere e ad interpretare le principali microstrutture delle rocce magmatiche.

- Lezione frontale: 32 ore Esercitazione in aula e in laboratorio di microscopia ottica: 16 ore

Descrizione dei sistemi petrologici: energia libera ed equilibri di fase; superfici nello spazio G-T-P, costruzione di linee univarianti e superfici divarianti; regole di Schreinemakers per superfici inetersecantesi nello spazio G-T-P ed applicate ai sistemi multicomponenti, sistemi degenerati. -Cenni di Termodinamica delle soluzioni: energia libera delle soluzioni; energia libera di soluzioni ideali e non ideali, la legge di Henry; smistamento di soluzioni non ideali, le essoluzioni e relative microstrutture; la costante di equilibrio di una reazione e sue applicazioni geotermobarometriche. -Equilibri di fase nei sistemi ignei: sistemi a due componenti; la regola della leva; i sistemi binari e ternari fondamentali, cenni ai sistemi quaternari, microstrutture di relazioni minerale-melt; proprietà ed effetti dei volatili sull'equilibrio del fuso silicatico; effetti di H2O e di CO2 sulla fusione e sulla cristallizzazione frazionata di magmi; ruolo della fugacità dell'ossigeno negli equilibri di fase.

Sono previste tre prove scritte in itinere (test in parte a quiz) e successivo colloquio

La valutazione complessiva dello studente si basa sui seguenti criteri: - conosenza dei contenuti del corso; - comprensione, applicazione e organizzazione delle conoscenze acquisite; - capacità di integrazione delle conoscenze acquisite nel contesto di mateie scientifiche affini; - capacità di esporre con chiarezza, ricchezza e proprietà di linguaggio

Philpotts A.R., Principles of igneous and metamorphic petrology... : Prentice Hall. Allen, Cox K.G., Bell J.D., and Pankhurst A.F., The interpretation of igneous rocks. : , 1979

- Gli argomenti svolti in ciascuna lezione frontale saranno a disposizione degli studenti sottoforma di file .pdf

nessuno

Lo studente impara a descrivere i sistemi petrologici (e più in generale Geologici) in termini di variabili termodinamiche, a posizionare le reazioni fra i minerali e fra i minerali e i melts nello spazio G-P-T e in particolare nel campo P-T. Impara ad applicare le proprietà delle soluzioni e soluzioni solide alla risoluzione di problemi petrologici (in particolare a quelli relativi alla magmatologia) e si esercita a riconoscere e ad interpretare le principali microstrutture delle rocce magmatiche.

- Lezione frontale: 32 ore Esercitazione in aula e in laboratorio di microscopia ottica: 16 ore

Descrizione dei sistemi petrologici: energia libera ed equilibri di fase; superfici nello spazio G-T-P, costruzione di linee univarianti e superfici divarianti; regole di Schreinemakers per superfici inetersecantesi nello spazio G-T-P ed applicate ai sistemi multicomponenti, sistemi degenerati. -Cenni di Termodinamica delle soluzioni: energia libera delle soluzioni; energia libera di soluzioni ideali e non ideali, la legge di Henry; smistamento di soluzioni non ideali, le essoluzioni e relative microstrutture; la costante di equilibrio di una reazione e sue applicazioni geotermobarometriche. -Equilibri di fase nei sistemi ignei: sistemi a due componenti; la regola della leva; i sistemi binari e ternari fondamentali, cenni ai sistemi quaternari, microstrutture di relazioni minerale-melt; proprietà ed effetti dei volatili sull'equilibrio del fuso silicatico; effetti di H2O e di CO2 sulla fusione e sulla cristallizzazione frazionata di magmi; ruolo della fugacità dell'ossigeno negli equilibri di fase.

Sono previste tre prove scritte in itinere (test in parte a quiz) e successivo colloquio

La valutazione complessiva dello studente si basa sui seguenti criteri: - conosenza dei contenuti del corso; - comprensione, applicazione e organizzazione delle conoscenze acquisite; - capacità di integrazione delle conoscenze acquisite nel contesto di mateie scientifiche affini; - capacità di esporre con chiarezza, ricchezza e proprietà di linguaggio

Philpotts A.R., Principles of igneous and metamorphic petrology... : Prentice Hall. Allen, Cox K.G., Bell J.D., and Pankhurst A.F., The interpretation of igneous rocks. : , 1979

- Gli argomenti svolti in ciascuna lezione frontale saranno a disposizione degli studenti sottoforma di file .pdf