Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
SCIENZE DELLA NATURA ORD. 2014


12

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 88 0 16 102

Periodo

AnnoPeriodo
II anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
02/10/201719/01/2018

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline agrarie, gestionali e comunicativeM-PED/036
affine/integrativo Nessun ambitoGEO/063
affine/integrativo Nessun ambitoGEO/073


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof. PIEVANI DIETELMOM-FIL/02Dipartimento di Biologia

Altri Docenti

DocenteCoperturaSSDStruttura
Dott.ssa CANADELLI ELENAIstituzionaleM-STO/05

Attività di Supporto alla Didattica

Non previste.

Bollettino

E' prevista la padronanza dei contenuti disciplinari, nell’ambito delle scienze della natura e della biologia evoluzionistica, di norma acquisiti in un corso triennale.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA - Conoscenza aggiornata delle problematiche generali della divulgazione e della didattica scientifico-naturalistica; - applicazione delle tecniche della comunicazione didattica più avanzata in contesti formali ed informali; - applicazione dei metodi dell’insegnamento scientifico a sceneggiature didattiche formali /informali; - conoscenze sulla comunicazione della scienza interattiva, multimediale e partecipativa; - studio di casi di successo di comunicazione della scienza (festival scientifici, mostre scientifiche, teatro scientifico, etc.) MUSEOLOGIA NATURALISTICA Far acquisire i fondamenti teorici e metodologici necessari ad operare in un museo naturalistico ed in strutture dedicate all’educazione e divulgazione scientifiche, in una prospettiva di servizio della comunità e in un contesto contemporaneo, avendo consapevolezza della storia della museologia scientifica e dei suoi più recenti avanzamenti.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Il corso è svolto alternando lezioni frontali dialogate, con ausili multimediali, a metodologie più interattive: riflessioni guidate, brainstorming, simulazioni, esercitazioni guidate, web-quest, studi di caso, ove possibile anche con l'intervento di ospiti esterni. Frequenza fortemente consigliata. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Brainstorming Lezioni frontali e case-studies analizzati in classe Visite a musei dell’Ateneo e del territorio (analisi critica delle esposizioni, depositi, spazi di servizio; incontro con gli operatori del settore: direttori, conservatori, tecnici). Frequenza fortemente consigliata.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA A. ELEMENTI DI DIDATTICA DISCIPLINARE: - Teorie e modelli di apprendimento (breve excursus storico e ricaduta sui modelli di istruzione e sulle pratiche didattiche), stili di apprendimento - Progettare interventi didattico/formativi - Didattica e metodo scientifico - Didattica formale e didattica informale, definizioni, ambiti e relazioni B. ANALISI DISCIPLINARE: •Come e perché interrogare le discipline (rilevanza formativa, spendibilità sociale) •Dall’epistemologia della disciplina alla visione integrata C. COMUNICAZIONE E DIVULGAZIONE: - Struttura del processo di comunicazione, barriere comunicative - Stili comunicativi - La percezione pubblica della scienza - La comunicazione scientifica: scopi, mezzi, metodi - La divulgazione scientifica nella scienza del XXI secolo - Progettare la comunicazione: casi concreti di studio - Il ruolo del linguaggio e dell'argomentazione nella formazione scientifica MUSEOLOGIA NATURALISTICA -Storia della museologia scientifica, definizioni di museo, tipi di museo e il concetto di museo contemporaneo. -Cenni sulla normativa nazionale e regionale. -Le funzioni dei musei: ricerca scientifica, conservazione e valorizzazione. Le collezioni: aspetti di conservazione e catalogazione. -I musei scientifici per la biodiversità. -Le esposizioni permanenti e temporanee: aspetti di museologia, museografia e museotecnica. -Il deposito del museo come luogo di conservazione ed valorizzazione. -Musei e comunicazione: attività educative e divulgative, i musei e i media, nuovi linguaggi nei musei (lettura, teatro, musica, arte, spettacolo). -Museo accessibile: analisi dei diversi target, tra bisogni e strategie di comunicazione. -Le professioni nei musei. -La progettazione museale: allestimenti, politica di acquisizione delle collezioni, attività educativa. La sicurezza nei musei scientifici. -Musei e web

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Si prevede una prova scritta che consiste in un elaborato individuale, su un argomento concordato con il docente, che simuli una sintetica sceneggiatura didattica informale/formale o un’attività di divulgazione e disseminazione. L’esame orale integrativo consiste in un colloquio sui temi trattati e una discussione sull’elaborato. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Elaborato prodotto dallo studente su temi trattati durante il corso e concordati con il docente (es. progetti di allestimento di un museo o di una sala, revisione di strutture esistenti, progetti di divulgazione ed educazione, progetti di gestione e valorizzazione delle collezioni etc.); gli elaborati dovranno dimostrare originalità nell’applicazione delle conoscenze ad un progetto pratico.

- Esercitazioni di gruppo in aula - Personalizzazione, autonomia, interiorizzazione dei contenuti proposti attraverso la progettazione originale dell’elaborato - La frequenza è fortemente consigliata dato il carattere interattivo del corso.

ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTI SU COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELLA SCIENZA IN GENERALE, Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017 ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTO SU COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELLE SCIENZE NATURALI (BIODIVERSITA'), Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017 ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTO SU MUSEOLOGIA SCIENTIFICA E SUA STORIA, Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Sarà fornito materiale preparato dal docente in formato PDF e multimediale corredato da una ricca bibliografia e sitografia relativa alle specifiche parti del programma e agli studi di caso. La bibliografia d'esame sarà suddivisa in una parte istituzionale uguale per tutti (su didattica e comunicazione della scienza) e nell'approfondimento di uno studio di caso. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Appunti di lezione, articoli di riviste e testi di base Sitografia di supporto e studio di casi. La bibliografia d'esame sarà suddivisa in una parte istituzionale uguale per tutti (su didattica e comunicazione della scienza) e nell'approfondimento di uno studio di caso.

E' prevista la padronanza dei contenuti disciplinari, nell’ambito delle scienze della natura e della biologia evoluzionistica, di norma acquisiti in un corso triennale.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA - Conoscenza aggiornata delle problematiche generali della divulgazione e della didattica scientifico-naturalistica; - applicazione delle tecniche della comunicazione didattica più avanzata in contesti formali ed informali; - applicazione dei metodi dell’insegnamento scientifico a sceneggiature didattiche formali /informali; - conoscenze sulla comunicazione della scienza interattiva, multimediale e partecipativa; - studio di casi di successo di comunicazione della scienza (festival scientifici, mostre scientifiche, teatro scientifico, etc.) MUSEOLOGIA NATURALISTICA Far acquisire i fondamenti teorici e metodologici necessari ad operare in un museo naturalistico ed in strutture dedicate all’educazione e divulgazione scientifiche, in una prospettiva di servizio della comunità e in un contesto contemporaneo, avendo consapevolezza della storia della museologia scientifica e dei suoi più recenti avanzamenti.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Il corso è svolto alternando lezioni frontali dialogate, con ausili multimediali, a metodologie più interattive: riflessioni guidate, brainstorming, simulazioni, esercitazioni guidate, web-quest, studi di caso, ove possibile anche con l'intervento di ospiti esterni. Frequenza fortemente consigliata. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Brainstorming Lezioni frontali e case-studies analizzati in classe Visite a musei dell’Ateneo e del territorio (analisi critica delle esposizioni, depositi, spazi di servizio; incontro con gli operatori del settore: direttori, conservatori, tecnici). Frequenza fortemente consigliata.

DIVULGAZIONE NATURALISTICA A. ELEMENTI DI DIDATTICA DISCIPLINARE: - Teorie e modelli di apprendimento (breve excursus storico e ricaduta sui modelli di istruzione e sulle pratiche didattiche), stili di apprendimento - Progettare interventi didattico/formativi - Didattica e metodo scientifico - Didattica formale e didattica informale, definizioni, ambiti e relazioni B. ANALISI DISCIPLINARE: •Come e perché interrogare le discipline (rilevanza formativa, spendibilità sociale) •Dall’epistemologia della disciplina alla visione integrata C. COMUNICAZIONE E DIVULGAZIONE: - Struttura del processo di comunicazione, barriere comunicative - Stili comunicativi - La percezione pubblica della scienza - La comunicazione scientifica: scopi, mezzi, metodi - La divulgazione scientifica nella scienza del XXI secolo - Progettare la comunicazione: casi concreti di studio - Il ruolo del linguaggio e dell'argomentazione nella formazione scientifica MUSEOLOGIA NATURALISTICA -Storia della museologia scientifica, definizioni di museo, tipi di museo e il concetto di museo contemporaneo. -Cenni sulla normativa nazionale e regionale. -Le funzioni dei musei: ricerca scientifica, conservazione e valorizzazione. Le collezioni: aspetti di conservazione e catalogazione. -I musei scientifici per la biodiversità. -Le esposizioni permanenti e temporanee: aspetti di museologia, museografia e museotecnica. -Il deposito del museo come luogo di conservazione ed valorizzazione. -Musei e comunicazione: attività educative e divulgative, i musei e i media, nuovi linguaggi nei musei (lettura, teatro, musica, arte, spettacolo). -Museo accessibile: analisi dei diversi target, tra bisogni e strategie di comunicazione. -Le professioni nei musei. -La progettazione museale: allestimenti, politica di acquisizione delle collezioni, attività educativa. La sicurezza nei musei scientifici. -Musei e web

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Si prevede una prova scritta che consiste in un elaborato individuale, su un argomento concordato con il docente, che simuli una sintetica sceneggiatura didattica informale/formale o un’attività di divulgazione e disseminazione. L’esame orale integrativo consiste in un colloquio sui temi trattati e una discussione sull’elaborato. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Elaborato prodotto dallo studente su temi trattati durante il corso e concordati con il docente (es. progetti di allestimento di un museo o di una sala, revisione di strutture esistenti, progetti di divulgazione ed educazione, progetti di gestione e valorizzazione delle collezioni etc.); gli elaborati dovranno dimostrare originalità nell’applicazione delle conoscenze ad un progetto pratico.

- Esercitazioni di gruppo in aula - Personalizzazione, autonomia, interiorizzazione dei contenuti proposti attraverso la progettazione originale dell’elaborato - La frequenza è fortemente consigliata dato il carattere interattivo del corso.

ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTI SU COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELLA SCIENZA IN GENERALE, Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017 ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTO SU COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELLE SCIENZE NATURALI (BIODIVERSITA'), Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017 ARTICOLI E TESTI DI RIFERIMENTO SU MUSEOLOGIA SCIENTIFICA E SUA STORIA, Saranno comunicati nelle prime lezioni. : , 2017

DIVULGAZIONE NATURALISTICA Sarà fornito materiale preparato dal docente in formato PDF e multimediale corredato da una ricca bibliografia e sitografia relativa alle specifiche parti del programma e agli studi di caso. La bibliografia d'esame sarà suddivisa in una parte istituzionale uguale per tutti (su didattica e comunicazione della scienza) e nell'approfondimento di uno studio di caso. MUSEOLOGIA NATURALISTICA Appunti di lezione, articoli di riviste e testi di base Sitografia di supporto e studio di casi. La bibliografia d'esame sarà suddivisa in una parte istituzionale uguale per tutti (su didattica e comunicazione della scienza) e nell'approfondimento di uno studio di caso.