Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
OTTICA E OPTOMETRIA ORD. 2016


11

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 48 0 60 167

Periodo

AnnoPeriodo
II annoannuale

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Italiano

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
02/10/201701/06/2018

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
baseDiscipline fisicheFIS/0111


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Dott. ROSSETTI ANTON.D.

Altri Docenti

DocenteCoperturaSSDStruttura
Dott. FACCHIN PAOLOContrattoN.D.

Attività di Supporto alla Didattica

Esercitatore
Dott. DA CORT FUMEI ANDREA

Bollettino

Conoscenze fondamentali di ottica geometrica e ottica oftalmica; anatomia macroscopica e fisiologia dell'occhio e del sistema visivo. Conoscenze approfondite di ottica visuale.

Criteri e tecniche di valutazione quantitativa e funzionale della visione. Conoscenze e abilità per la valutazione delle ametropie, della funzione accomodativa, della visione binoculare e delle funzioni visive principali. Conoscenze e abilità essenziali per condurre un esame visivo optometrico completo (di base, refrattivo-binoculare) in autonomia. Questi obiettivi di apprendimento corrispondono a quelli del Syllabus ECOO European Diploma in Optometry: Subject 8 Refraction.

Lezione frontale. Esperienze pratiche (guidate e in autonomia su soggetto o su strumenti di simulazione, dove possibile). Software di simulazione per alcune tecniche.

1-La misurazione nell’ambito optometrico 2-Strumentario d’uso generale in optometria 3-Cenni sulla relazione con il soggetto 4-Quantificare la “visione” Acuità visiva ad alto e basso contrasto: sistemi di misura, valutazione dei dati, notazione. Visione del colore: fondamenti su tecniche e metodi Visione del movimento: cenni su tecniche e metodi Campo visivo: fondamenti su tecniche e metodi Dominanza dei due occhi: tecniche 5-Anamnesi e Disturbi visivi Disturbi visivi. Valutazione di disturbi, sintomi e segni correlati con la visione. Anamnesi: concetto di disturbo principale, criteri per l’analisi del disturbo; metodo di conduzione dell’anamnesi; analisi delle attività del soggetto in relazione alla visione. Indicazioni generali su: sintomi gravi e urgenze legate alla visione. 6-Approfondimenti sulle anomalie refrattive Ametropie. Criteri di compensazione e gestione delle ametropie. Presbiopia. Ametropie e aberrazioni. Applicazione dei concetti di profondità di campo e fuoco. 7-Approfondimenti sull’accomodazione Accomodazione: funzione. Accomodazione e convergenza. 8-Tecniche per l’esame refrattivo Refrazione oggettiva.Refrazione soggettiva da lontano. Refrazione soggettiva prossimale. Procedure per il bilanciamento. La refrazione nelle procedure codificate. 9- Essenzialità di Visione binoculare Strumenti per la valutazione della visione binoculare. Valutazione della binocularità. Valutazione accomodazione-convergenza. Raggruppamento e relazione tra i vari test binoculari e refrazione; generalità sul trattamento dei disturbi della VB. 10-Diagnosi optometrica e gestione Identificazione e classificazione di una condizione visiva. Gestione delle anomalie refrattive e dei problemi visivi nel tempo. 11-La condizione oculare e visiva “normale” Indicazioni sul concetto di “normalità” di occhio e sistema visivo e di screening. Ispezione non strumentale e strumentale: biomicroscopia; funduscopia. 12-Storia dell’optometria e dell’ottica oftalmica

Prova scritta a risposta multipla (60-80 quesiti in 2 ore) e, se superata (≥66%), prova pratica su soggetto. Un elaborato (scheda clinica commentata) su una attività pratica effettuata durante il corso. Un elaborato (mappa cognitiva, piccolo strumento, video informativo) su tema a piacere.

14/30 complessivamente, per due prove scritte (I e II semestre) 10/30 prova pratica con discussione delle condizioni evidenziate. Alla prova pratica si è ammessi con un punteggio ≥66% nello scritto 3/30 per l'elaborato clinico su una attività di laboratorio. 3/30 per elaborato a piacere

CONTENUTO NON PRESENTE

Alcuni materiali (articoli, software, scale di graduazione, dispositivi) sono messi a disposizione dal docente.