Presentazione

Organizzazione della Didattica

DM270
BIOLOGIA MARINA ORD. 2013

Microbiologia marina

6

Corsi comuni

 

Frontali Esercizi Laboratorio Studio Individuale
ORE: 40 16 0 68

Periodo

AnnoPeriodo
I anno1 semestre

Frequenza

Obbligatoria

Erogazione

Convenzionale

Lingua

Inglese

Calendario Attività Didattiche

InizioFine
01/10/201818/01/2019

Tipologia

TipologiaAmbitoSSDCFU
caratterizzanteDiscipline del settore biomolecolareBIO/196


Responsabile Insegnamento

ResponsabileSSDStruttura
Prof.ssa VENIER PAOLABIO/19Dipartimento di Biologia - DiBio

Altri Docenti

Non previsti

Attività di Supporto alla Didattica

Esercitatore
Dott. ROSANI UMBERTO

Bollettino

Conoscenze di Microbiologia, Biochimica, Genetica.

Al termine del corso lo studente dovrebbe: 1) conoscere le caratteristiche generali dei principali microrganismi marini; 2) discutere la loro biodiversità molecolare e morfofunzionale (in generale, mediante esempi, richiamando metodi d’indagine); 3) esemplificare ruoli importanti svolti da procarioti, microeucarioti e virus nella rete trofica marina e nei cicli di C, N, S, Fe e P; 4) aver migliorato le proprie conoscenze su strategie adattative e interazioni tra microrganismi marini nella varietà dei loro habitat; 5) conoscere in generale problemi e potenzialità biotecnologiche riferibili a microrganismi marini.

Il corso è strutturato in 1) lezioni frontali interattive (concetti e informazioni generali con esempi, domande, proposte di approfondimento, analisi critica di documenti e dati) e 2) altre attività (test abilità in ingresso, lavoro in gruppo, esperienza pratica in aule laboratorio/informatica, simulazione domande di esame) volte ad acquisire conoscenze ed abilità nell’identificazione e studio di singoli microrganismi marini e loro comunità.

I contenuti del corso potranno esser modulati in ragione delle conoscenze iniziali e dell’interesse degli studenti. Introduzione alla Microbiologia marina. Principali tipi di microrganismi marini in relazione alla varietà di habitat e alle caratteristiche dinamiche di mari e oceani. Metodi d’indagine nel tempo (per es. colture, microscopia, citometria di flusso, tipizzazione biochimica, analisi basate sull’identificazione di acidi nucleici e di proteine) (1 CFU). Bacteria e Archea marini (diversità molecolare, esempi di peculiarità morfo-funzionali) (1 CFU). Microeucarioti marini e virus marini (diversità molecolare, esempi di peculiarità morfo-funzionali) (1 CFU). Tipi metabolici, ecofisiologia e interazioni tra microrganismi marini con attenzione a: produzione/decomposizione di materiale organico particellato (POM) e disciolto (DOM), microbial loop, viral loop, cicli biogeochimici (1.5 CFU). Biofilm microbici. Valutazione di qualità delle acque costiere: microrganismi patogeni umani e normativa vigente. Potenziale biotecnologico di microrganismi marini (0.5 CFU). Attività pratica in laboratorio e in aula informatica (1 CFU).

A seconda della numerosità degli iscritti, l’esame sarà un questionario scritto (fino a 20 risposte a completamento /a scelta multipla /a testo libero) oppure un colloquio articolato sui concetti generali del corso e sugli argomenti specificamente proposti a lezione.

Accertamento di: 1) livello di conoscenza acquisita sui microrganismi marini, 2) comprensione di fatti e processi riguardanti microrganismi marini, 3) efficacia di risposta e capacità di collegamenti interdisciplinari, 4) interattività positiva durante il corso

C. Munn, Marine microbiology ecology and applications. London: New York, Bios, 2011 J.M. Gasol, D.L. Kirchman, Microbial Ecology of the Oceans. Hoboken, N.J., U.S.A.: Wiley-Blackwell, 2018 R. Danovaro, Biologia marina. Biodiversità e funzionamento degli ecosistemi marini. [Torino]: CittàStudi (De Agostini), 2013 M. T. Madigan et al., Brock. Biologia dei Microrganismi. Microbiologia generale, ambientale e industriale. Milano, Italia: Pearson, 2016

Libri di testo, articoli scientifici e normative, file di lezione come guida allo studio.